:: ricerca cerca



iniziative news
da leggere segnaliamo
forum download
 


 
 News 
05/06/2017
Dalle Aziende 
La proposta Humana per l'allergia alle proteine del latte vaccino
 

L'allergia alimentare è un’alterazione della risposta immunitaria per cui una sostanza, normalmente innocua, viene “percepita”come una minaccia ed attaccata dalle difese immunitarie dell’organismo.

L'Allergia alle Proteine del Latte Vaccino (APLV) è una reazione immunitaria avversa ad una o a più proteine del latte vaccino.

E’ la più frequente allergia alimentare nei neonati e nei bambini di età inferiore a 3 anni;colpisce tra il 2% e il 5% dei bambini, con un picco tra i primi 3-5 mesi. Nei bambini allattati al seno la prevalenza è più bassa (0,5%) (rif1-2).

Secondo la definizione proposta dalla World Allergy Organization, la APLV è una reazione di ipersensibilità nei confronti del latte vaccino basata su specifici meccanismi immunologici.

A differenza di quanto si verifica nella maggior parte dei soggetti, in cui il sistema immune è in grado di riconoscere le proteine del latte vaccino come innocue e di tollerarle, nei soggetti allergici, per cause non ancora comprese, si verifica la sensibilizzazione del sistema immunenei loro confronti, con lo sviluppo di una reazione allergica.

I sintomi che caratterizzano la APLV sono molteplici e possono coinvolgere diversiorgani e apparati, in particolare il sistema gastrointestinale e  l’apparato tegumentario.

 

Dal punto di vista immunologico la APLV può essere classificata come:

- IgE-mediata: associata aipersensibilità immediata (insorgenza temporale delle manifestazioni da qualche minuto a 2 ore). Sintomatologie prevalenti: orticaria acuta, angioedema,  anafilassi , vomito, tosse, dispnea

 

-Non IgE-mediata: associata a ipersensibilità ritardata (insorgenza temporale delle manifestazioni da qualche ora a 24-48 ore). Sintomatologieprevalenti: coliche addominali del lattante, MRGE, ritardo di crescita, sindrome enterocolitica, esofagite eosinofila, peggioramento dell'eczema.

 

La difficoltà diagnostica dell’APLV  è dovuta alla molteplicità dei quadri clinici  e delle sintomatologie con cui si può manifestare (rif 1-4):

 

Respiratorie (20-30%): riniti, sibili, wheezing recidivante, congiuntivite,tosse cronica (non correlata a infezioni)

 

Dermatologiche (5-60%): eczema, dermatite atopica, orticaria, angioedema

Gastrointestinali (50-60%) : vomito , diarrea, rigurgito (scarso accrescimento, diarrea cronica o recidivante, vomito o rigurgiti frequenti, ritardato svuotamento gastrico, coliche gassose, disfagia, rifiuto del cibo, ematochezia, etc)

 

Sistemiche (5- 9% ) : anafilassi

 

In assenza del latte materno, nei lattanti a rischio atopico ed in quelli affetti da allergia alle proteine del latte vaccino (APLV) un’ alternativa è rappresentata da formule per lattanti a base di proteine estensivamente idrolizzate.

 

Humana AT 1 ( 0-6 mesi) e AT 2 (6-12 mesi)  sono alimenti  a fini medici speciali a base di proteine estensivamente idrolizzate per lattanti affetti da APLV, clinicamente testate (rif. 5 ).

- La componente proteica è rappresentata da una miscela di sieroproteine e caseina in rapporto 80/20 a ridotta allergenicità.

 

- Le proteine presenti nelle formulazioni sono estensivamente idrolizzate ed il peso molecolare dei peptidi presenti è il seguente:

64% dei Peptidi  :PM< 1000 Dalton

36% dei Peptidi  :1000 Dalton <PM< 3000 Dalton

 

- Le formulazioni presentano un ridotto contenuto di aminoacidi liberi per una miglior palatabilità.

 

- Le formulazioni sono state testate clinicamente  e sono tollerate nel 97.7 % dei casi ( rif 5)

 

- Solo maltodestrine come fonte di carboidrati, senza lattosio per ridurre eventuali episodi di fermentazione intestinale

 

- Con  LC-PUFA,  DHA e ARA che rappresentano ciascuno lo 0,37% degli acidi grassi totali, per il corretto sviluppo del sistema visivo e cognitivo (rif 6); inoltre  il DHA contribuisce alla modulazione della risposta immunitaria e alla riduzione di infezioni e allergie (rif7,8).

 

- Nucleotidi per favorire lo sviluppo e la maturazione del sistema immunitario e della mucosa intestinale (rif 9).

 

- Entrambe le formulazioni presentano una bassa osmolarità

Humana  AT 1 :185 mOsm/L

Humana AT 2  :173 MOSml/L

 

1.         Vandenplas Y et al.; Pediatr Gastroenterol Hepatol Nutr. 2014; 17(1): 1-5

2.         Host A.Ann Allergy Asthma Immunol.2002,89(6Suppl1): 33-7

3.         Vandenplas et al “Practical algorithms for managing common gastrointestinal symptoms in infants.” Nutrition 2013, 29:184-194.

4.         Vandenplas Y et al.; Pediatr Gastroenterol Hepatol Nutr. 2014; 17(2): 61-73

5.         Matencio Hilla E. et al. Fórmulas infantiles hipoalergénicas con alto grado de hidrólisis proteica y elevado contenido de ácidos grasos poliinsaturados de cadena larga para la prevención terciaria en lactantes con alergia a las proteínas de la leche de vaca. 2013; http://www.tdx.cat/handle/10803/127347

6.         EFSA Panel on Dietetic Products, Nutrition and Allergies 2009.

7.         Thang C, et al 2013. Mol Nutr.Fod Res 00: 1-10

8.         Calder P 2008. Prostaglandins, Leukotrienes and Essential Fatty acid 79:101-108

9.         Pickering LK , et al. Modulation of the immune system by human milk and infant formula containing nucleotides. Pediatrics. 1998 Feb;101(2):2429.

 
Humana Italia spa
 
----------------------------------------
area download
 Allergia alle proteine del latte Vaccino e Humana AT 1 e 2 (157K)
 
stampa|elenco news|forum >>

 :: home
 :: chi siamo

 :: direzione scientifica

 :: attività del gruppo

 :: approfondimenti

 :: download

 :: forum

 :: contatti

 :: link

 :: login

user name
password


ENTRA | REGISTRATI  


home | mappa del sito | credits